Crea sito

Tragico incidente per Paul Walker

paul-walker-picture-5Ci lascia all’età di 40 anni Paul Walker, attore di fama internazionale reso celebre dalla saga di Fast & Furious. Giovane, bello, ricco e socialmente impegnato, non è riuscito a scampare all’incidente mortale che gli ha stroncato la vita. Impegnato in un evento benefico in California per gli alluvionati delle Filippine, ieri Walker si stava recando a Valencia, zona Los Angeles per un car show che avrebbe portato ad una raccolta fondi.

Purtroppo il destino ha voluto che la Porsche su cui viaggiava in compagnia di un amico, sia andata fuori strada per la troppa velocità schiantandosi contro un palo della luce e incendiandosi di li a poco. Urto fatale che ha ucciso entrambi, benchè Walker non fosse alla guida della vettura. Un evento tragico a cui non ci si abitua mai quando a morire sono le star del cinema. Rimbalzava fin da questa mattina la notizia sui social network, ma per una conferma ufficiale è stato necessario attendere un comunicato ufficiale del suo staff su Facebook:

 

È con il cuore davvero a pezzi che dobbiamo confermare che Paul Walker è morto in un tragico incidente d’auto. Era in una vettura guidata da un amico ed entrambi hanno perso la vita.

 

 

Walker era una delle giovani star del panorama Hollywoodiano. Visto in The Skulls (con Joshua Jackson) e Radio Killer, si impone al grande pubblico con Fast and Furious partecipando a quasi tutti i film (assente in Tokyo Drift). Recita per Clint Eastwood in Flags of our Fathers nel 2006 e per Richard Donner nel mitico Timeline – Ai confini del tempo (2003). Previsti in uscita due suoi film: Pawn Shop Chronicles e Hours. Difficile invece stimare cosa succederà riguardo ai due nuovi capitoli di Fast and Furious (7 & 8) in uscita prossimamente e recentemente girati da Justin Lin; non è ancora chiaro se Walker avesse recitato tutte le sue scene previste o meno. Nel secondo caso sarà una vera gatta da palare per i produttori di una delle saghe più amate e redditizie del cinema contemporaneo. Immagino l’agitazione che possa serpeggiare tra i piani alti della Universal.

 

Anche se non sono stato molto tenero con Paul Walker nella mia recensione su Fast & Furious 6, riconosco il suo talento e la sua presenza scenica da uomo con gli occhi di ghiaccio che bucava lo schermo; il classico bravo ragazzo col vizio di fare sempre l’eroe. Su Twitter non sono tardati i messaggi di cordoglio da parte dei colleghi attori che lo hanno conosciuto e apprezzato nel tempo. Eccone qualcuno:

 

 

 

 

Paul Walker è solo l’ultima di una serie di morti famose che hanno portato via attori amati per il loro talento e la loro fama.

  • Heath Ledger (deceduto per una overdose di farmaci il 22 gennaio del 2007 in un appartamento di NY),
  • Brittany Murphy (morta per arresto cardiaco e polmonite sotto la doccia nel 2009 all’età di 32 anni, condizione causata da una muffa tossica presente nel suo appartamento che 5 mesi dopo ucciderà anche il marito),
  • Michael Clarke Duncan (morto per un infarto nel 2012 all’età di 54 anni),
  • Bernie Mac (deceduto nel 2008 per complicazioni date da un polmonite, sopraggiunta a causa di un sistema immunitario compromesso dalla sarcoidosi),
  • James Gandolfini (morto per un attacco di cuore a Roma nel giugno scorso).

 

Non resta che dire un sentito Rest in Peace Paul.