Crea sito

Gli Stagisti [Recensione]

The Internship Intl Poster
guarda il trailer

Divertente commedia con al timone Vincent Vaughn e Owen Wilson, il film sembra a tutti gli effetti il sequel di Due single a nozze: stessa comicità, stessi attori, stesse gag. Non più quindi The Wedding Crushers ma The Google Crushers, data l’ambientazione Googlosa della pellicola. Il film in sostanza è una immensa marchetta all’azienda di Mountain View, descritta minuziosamente in tutte le sue sfumature. Quasi interamente girato in quella che è tra i migliori posti di lavoro d’America, il film parla di due affabili venditori che dall’oggi al domani diventano disoccupati e si riciclano, non senza difficoltà, come stagisti a Google, un pianeta a loro ignoto popolato da ventunenni super tecnologici dalle mille capacità.

Inizialmente spaesati il duo Vaughn-Wilson riuscirà a giocare al meglio le proprie carte ed imporsi a Google meglio di altri concorrenti. La trama è banale come poche, ma è anche il pretesto per mettere in campo le enormi differenze generazionali che separano i protagonisti dagli “abitanti” abituali di Google. Una riflessione tanto ovvia quanto drammatica, se si pensa alle difficoltà che un attuale quarantenne disoccupato deve fronteggiare per rimettersi in gioco in un mercato del lavoro selettivo e discriminante. Difficile pensare che le avventure vissute dai protagonisti nella realtà ovattata di Google possano verificarsi nella vita reale, ma anche se questa fantascienza senza CGI pecca di credibilità, è sfruttata per veicolare alcuni valori che trascendono ogni età e sono fondamentali nel mondo del lavoro: cooperazione, altruismo, competitività, tenacia.

 

Gli Stagisti è un film efficace che sa divertire senza vantare troppe pretese, sfruttando la comicità di un duo che ormai in America è una garanzia di successo. Presenza fissa Will Farrel, nelle vesti del cognato maniaco di Wilson nonché sboccato venditore di materassi a cui piace importunare le giovani acquirenti. Il regista? Shawn Levy, esperto in commedie ad alto budget (Una notte al museo, La pantera rosa) di ritorno dall’esperimento robotico mal riuscito Real Steel.