Crea sito

Quando gli Oscar riconosceranno Andy Serkis e Doug Jones?

Siamo da tempo entrati in una nuova era della storia del cinema, quella in cui le esibizioni live-action e le immagini generate al computer si combinano regolarmente per creare personaggi la cui esistenza sarebbe sembrata quasi impossibile solo alcuni decenni fa. Ora, qualcuno dovrebbe dirlo all’Academy of Motion Picture Arts and Sciences. Perché non sembra che abbiano notato la cosa.

Sono trascorsi più di dieci anni e mezzo da quando la sorprendente esibizione di Andy Serkis come Gollum in Il Signore degli Anelli: Le due torri  gli è valsa una candidatura come miglior attore non protagonista. È un destino che ha colpito anche tutte e tre le sue performance nella serie Planet of the Apes, e che continua a colpire altri attori di motion capture di talento e persino attori con effetti di trucco prostetico come Doug Jones (The Shape of Water).



Questa è una tendenza che secondo Serkis alla fine finirà. In una recente intervista con Screen Crush, la star afferma che “L’Academy è aperta al confronto. Sono state scritte e-mail al reparto che si occupa della recitazione sostenendo che è ora di riconoscere le prestazioni nel senso più ampio del termine. Dunque, performance-capture e recitazione vocale. Ci si comincia a chiedere: qual è l’essenza di una grande esibizione? Non significa solo vedere il volto di un attore sullo schermo. Essa può manifestarsi anche solo attraverso la semplice acquisizione della performance.”

Quindi ci stanno lavorando, e questo è bello. Ma allora perchè ci vuole così tanto tempo?

Dall’esterno è facile immaginare l’Accademia come un conclave di vecchi che scuotono attivamente il pugno di fronte al progresso tecnologico. In generale, Hollywood è sempre stata veloce ad abbracciare nuove tecnologie ogni volta che si presentano, spesso al punto di buttare via tutte le vecchie tecnologie non appena possibile. Non si vedono più molti film muti, vero? I film in bianco e nero sono così rari ora che sono degni di nota. E per un po ‘sembra persino che i film di animazione siano diventati una cosa del passato, dopo la proliferazione di film d’animazione in CG come Shrek. 



Potrebbe esserci una ragione abbastanza logica per cui non abbiamo ancora visto dei candidati come Serkis vincere un Oscar. La ragione sta nel fatto che probabilmente meritano una propria categoria. Dopo tutto, le performance di motion capture sono un processo collaborativo tra animatori live-action e un team di effetti speciali VFX. Se nominerai Andy Serkis come miglior attore protagonista per la sua interpretazione in “Il pianeta delle scimmie”, l’Oscar dovrebbe andare a Serkis, agli artisti di VFX o a tutti loro?

La risposta è quasi certamente “tutti”. Un intero gruppo di persone si è unito per rendere la migliore performance possibile, entrando in competizione con singoli attori umani il cui lavoro era limitato a quello che un essere umano può fare. Questi attori umani sono ovviamente assistiti da altri artigiani cinematografici che contribuiscono alla performance come il trucco e il costume ma  per i quali ci sono delle categorie di premiazione (miglior trucco, migliori costumi) specifiche. In breve, candidando oggi Serkis come Miglior attore non protagonista, stai candidando un’intero enturage di persone per un Oscar che andrebbe riconosciuto solo a lui, in una competizione con altri attori che si limiterebbero a recitazioni “più umane” e meno stupefacenti, e il cui enturage artistico può probabilmente tornare a casa con un suo oscar tra le mani. 


In effetti, in generale, ci sono degli Oscar separati per ogni risultato, eppure le performance di motion capture sono collaborative tra più discipline artistiche e tecniche. Pertanto, fino ad ora, i membri dell’Academy sono stati costretti a scegliere la categoria o le categorie da utilizzare per onorare le performance di motion capture. Non hanno ancora scelto i premi di recitazione (ancora), ma hanno onorato alcuni film di motion capture nella categoria Best Visual Effects (Il Signore degli Anelli: Le due torri, King Kong, Il libro della giungla).

Ed è vero: le performance di motion capture sono chiaramente, a un certo livello, un complicato effetto visivo. Ma dal punto di vista delle prestazioni, sono più di questo. Una performance come Gollum non esiste senza un attore come Andy Serkis che fa la maggior parte del lavoro. E con un attore simile il team di VFX può farcela.

LEGGI ANCHE 18 VOLTI FAMOSI NASCOSTI DAL MOTION CAPTURE



In altre parole, attori, animatori e tecnici si uniscono per creare qualcosa di nuovo meritando una categoria completamente nuova per onorarli.

Il problema, a parte la generale reticenza dell’Accademy di aggiungere nuove categorie Oscar in generale, è che le prestazioni di motion capture non sono ancora abbastanza comuni da generare costantemente un gran numero di contendenti premiati ogni anno. Quindi forse la soluzione migliore sarebbe l’apertura di questa nuova categoria a qualsiasi performance collaborativa, e che includerebbe personaggi, pupazzi e attori animati che convenzionalmente lavorano sotto un’incredibile quantità di trucco.

Considera Doug Jones, la star di The Shape of Water, come uno dei migliori esempi. La sua complicata e ricca interpretazione è fondamentale per rendere credibile l’inusuale romanzo fantasy di Guillermo del Toro, ma non si può negare che la sua performance sia stata aiutata da estesi effetti di trucco e almeno una piccola quantità di CGI. Probabilmente Doug Jones sarebbe dovuto essere un concorrente importante per il miglior attore non protagonista quest’anno, ma potrebbe essere stato difficile separare il lavoro di Jones dal lavoro dei truccatori e dei team VFX che hanno contribuito al personaggio. Quindi, a chi andrebbe il merito di quella performance? Forse tutti loro.



Inoltre ci sono le numerose rappresentazioni animate create grazie alla collaborazione tra artisti del voice over e talentuosi animatori. L’indimenticabile performance di Robin Williams per Aladdin è stata quasi sicuramente premiante. Lo stesso potrebbe dirsi per le interpretazioni più recenti come Amy Poehler e Phyllis Smith in Inside Out, Idina Menzel in Frozen, George Clooney in Fantastic Mr. Fox, Peter O’Toole in Ratatouille, Dakota Fanning e Teri Hatcher in Coraline, Ginnifer Goodwin e Jason Bateman in Zootopia. E la lista potrebbe continuare all’infinito.

Abbiamo ancora molta strada da fare prima che l’Accademy riconosca all’unanimità il valore di una forma d’arte distintiva come quella della cattura del movimento e, in effetti, delle prestazioni collaborative di ogni tipo. Forse la soluzione è smettere di provare a calzare qualcosa di nuovo in categorie Oscar vecchie e inadeguate e costruire un nuovo posto nella cerimonia per performance come queste.