Crea sito

#allmymovies – Troviamoci un senso

Quando ho scoperto che Shia Labeouf aveva intenzione di farsi una maratona di tutti i suoi film a cronologia inversa, ho pensato quello che hanno pensato praticamente tutti: PERCHE’? Stiamo parlando di 72 ore filate di film, di suoi film, che francamente non brillano per chissà quale contenuto eccelso. Lo sforzo che deve aver fatto per sopravvivere a 72 ore filate deve essere stato qualcosa di sovraumano, e parlo con cognizione di causa dato che nel  2004 partecipai alla maratona cinematografica di 12 ore de Il signore degli anelli con i primi due capitoli in versione extended, uscendo dal cinema vivo per miracolo. Labeouf ha compiuto la sua impresa seduto in una poltroncina dell’Angelica Film Center di New York, affittando una sala a suo esclusivo uso e garantendo l’ingresso libero ai comuni mortali. Entravi, ti sedevi e, in sua compagnia, ti guardavi uno dei 29 film in programma.


tumblr_inline_nxo7pxeYAC1t2ear7_500Shia fa qualcosa che solitamente gli attori di Hollywood odiano fare: rivedere i propri film. Sono tutti dei grandissimi egocentrici bastardi, ma quando si tratta di guardare una propria interpretazione la maggior parte decide di passare oltre, forse per evitare di provare un certo senso di imbarazzo dinnanzi ad uno schermo che mette a nudo le loro inconsce fragilità.

Che significato ha questa impresa chiamata #allmymovies? Perchè Shia si punta una telecamera in faccia offrendoci gratis e in diretta streaming la possibilità di guardarlo per tre giorni consecutivi? Nessuno lo sa. Era ovvio che avrebbe ceduto al sonno, alla fame, alla noia, alla risata, alla gioia, all’isteria e tutta quella serie di azioni  che di solito vengono mascherate dagli attori per evitare di essere percepiti come umani (sbadigliare, mettersi le dita nel naso, sporcarsi la faccia col cibo, ecc.). In 72 ore questo è lo spettacolo muto che ci viene offerto: lo spettro intero delle emozioni che l’attore prova nella realtà rivedendo se stesso sullo schermo.


2015_ShiaLabeoufAllMyMoviesTransformers3_5_111115Non sapevo che film stesse vedendo in un dato momento con estrema certezza, ma dalle espressioni e dal tempo trascorso (scaletta alla mano) potevo tirare ad indovinare se stava guardando un Transformers 3 piuttosto che un Nymphomaniac. Lui guardava lo schermo e nel mentre io spiavo da bravo voyeur le sue reazioni attraverso questo strano grande fratello che stava andando in onda. Con mio stupore non provavo però indifferenza sogghignando frasi del tipo <Ma guarda che cazzo si inventa sto coglione per fare scena> ma invece empatia verso ciò che stava provando in quel momento. Lui rideva, io ridevo; lui si incazzava, io ridevo; lui esultava, io ridevo; lui dormiva, io ridevo. Nel mentre scoprivo un fervente pubblico su twitter che commentava l’impresa da ogni parte del globo, oltre ad un numero piuttosto elevato di guardoni (circa 150mila mentre ero connesso) che faceva esattamente quello che facevo io. Alla fine della mia esperienza da “guardone” ho sommato le mie reazioni nell’arco di quell’ora e mezza che sono riuscito a seguire Shia Labouf e ho ottenuto solo un risultato di positiva gioia.

Amelie Poulain  ne Il favoloso mondo di Amelie faceva esattamente la stessa cosa al cinema: si girava durante la proiezione di un film per guardare i volti delle persone smarrite nella storia. Alcuni ridevano, altri erano seriosi, altri piangevano; ognuno mostrava una diversa emozione nella sua forma più pura, protetta dal buio della sala e dalla solitudine che solo l’esperienza cinematografica può donare. Come se il cinema riuscisse a cavarci dall’anima sentimenti veri, genuini e non costruiti.


#allmymoviesVedere uno che riguarda i suoi film e che mi ignora totalmente mi ha divertito. Shia Labeuof ormai si sta evolvendo in un attore eccentrico, forse inquieto e alla ricerca di una dimensione recitativa distante dal “fare grana” per mantenere uno stile di vita da nababbo. Si è ormai distaccato dai canoni Hollywoodiani che lo volevano incoronare per un periodo erede di Ford nei panni di Indiana Jones, quasi rinnegando il ruolo di star che tutti i Transformers gli stavano appiccicando addosso. Harrison Ford al termine delle riprese di Indiana Jones 4 lo appellò come fottuto idiota , ma credo che attualmente sia molto più vero di tutti gli Zack Efron in circolazione, e non perde occasione per dimostrarlo.

Queste sue bizzarrie si susseguono nel tempo già da un po, ad iniziare dal progetto #IAMSORRY, per il quale si chiuse in un museo di Los Angeles per 5 giorni, invitando chi lo desiderasse a sedersi dinnanzi a lui per tutto il tempo desiderato. Non era prevista nessuna conversazione, sul banchetto venivano esposti oggetti richiamanti la sua carriera di attore (nella foto la frusta di Indiana Jones) e un sacchetto bucato con incisa la scritta I AM NOT FAMOUS ANYMORE gli schermava il volto. Lo stesso sacchetto fu già protagonista di dibattito durante la presentazione di Nymphomaniac alla Berlinale del 2014, quando Shia sfilò sul red carpet col volto coperto e in conferenza stampa si limitò a non rispondere alle domande e citare il calciatore Eric Cantona con la frase <Quando i gabbiani seguono il peschereccio, è perché pensano che verranno gettate in  mare delle sardine> prima di lasciare la sala nello stupore generale.

Una reale dichiarazione di guerra alla fama da attore di blockbuster maturata nel tempo grazie ai suoi film. Purtroppo Hollywood è permalosa e una volta che la mandi a fare in culo difficilmente ti riaccoglie a braccia aperte (eccezion fatta per Robert Downey Jr). Di seguito vi propongo una simpatica raccolta di gif. animate a testimonianza dei momenti più divertenti di #allmymovies. 


tumblr_nxq4ykihgB1uovpvjo2_540

564376751800009d00304739

tumblr_nxq4ykihgB1uovpvjo3_540

tumblr_nxoicf71Dd1udr604o1_540

tumblr_inline_nxo81tSEz11t2ear7_500

56436de914000069023ca836

shia1

giphy

832df611-0086-4487-92b5-16c163237f20